comica1564989886374.jpg


Busserentolo ed il Conte

Correva l’anno 2019, il regno della scuola languiva nella discontinuità didattica e nel precariato.

Il popolo studentesco soffriva molto per questa situazione, lasciata in eredità dalle barbarie condotte dai lanzichenecchi più migliori, e chiedeva a gran voce la stabilizzazione di tutti i precari.

A viale Trastevere mendicava Busserentolo un “povero” insegnante di scienze motorie.

Busserentolo, era deciso a partecipare al ballo del governo per presentare al Conte un regio decreto che avrebbe concesso al popolo della scuola prosperità, giustizia, stabilità e continuità.

Non sapeva però come fare perché era molto povero, e senza portafoglio😁.

Un giorno incontrò il mago Pitton che gli disse: “Ti trasformerò in ministro per un giorno, andrai al gran ballo del governo e lì potrai presentare il tuo decreto!” Poi soggiunse “Stai attento alle due “equo sorelle” perché cercheranno di impedire la tua missione! Ricorda allo scadere della mezza notte scadrà la tua legislatura e tornerai ad essere un povero insegnante!

Busserentolo andò al ballo del governo ed incontrò il Conte. Mentre ballava lo videro le due equosorelle che prese dalla rabbia lo attaccarono. Nella colluttazione il decreto cadde a terra ad un pas dal Conte che lo lesse e dichiarò: ” Ne sarò garante!”. Busserentolo scappò perché stava per finire il ballo.

Le due equosorelle presero il decreto e lo portarono al principe Gigi, chiedendogli di opporsi…..

Questo é l’inizio della storia e noi, povere vittime del regno della scuola, ne stiamo attendendo la fine….

L’insegnante imbruttito.

Nota. Se siete interessati all’annuncio sottostante, cliccando aiuterete il nostro sito e le nostre pagine ad andare avanti.