received_1147383845652519.jpeg

Italia Cristiana e l’Insegnante Imbruttito:

Siamo rimasti i soli a difendere TUTTI GLI INSEGNANTI PRECARI.

Perché?

La risposta è semplice.

Esistono alcune categorie di docenti precari che nessuno ha interesse a stabilizzare.

Le due più importanti sono i docenti con servizio nelle paritarie e i docenti di religione.

I primi vengono considerati, a torto, docenti di serie B per due motivi che, in realtà, non hanno luogo ad esistere.

  • L’esistenza dei cosiddetti diplomifici, in cui gli insegnanti non vengono neanche pagati.
  • L’ignoranza sul fatto che la scuola pubblica si divide in paritaria e statale.




Brandendo il primo motivo, viene proposto di escludere i docenti onesti perché alcuni avrebbero accumulato punteggio in modo irregolare.

SBAGLIATO! Andrebbero chiusi i diplomifici non puniti tutti i precari delle paritarie.

Il secondo motivo viene preso in considerazione da chi dice: “Abilitatevi e fatevi assumere dalle paritarie”.

Certo, ma MA PRIMA BISOGNA CHIUDERE I DIPLOMIFICI, causa della chiusura delle paritarie oneste!

Nel frattempo, i docenti che hanno un percorso paritario o misto e hanno maturato 3 anni di servizio, vanno assunti dallo stato attraverso il concorso straordinario o altra procedura.

In verità questi ultimi hanno il merito supplementare di aver fatto risparmiare moltissimi soldi allo stato, proprio lavorando in una paritaria.

L’altra categoria esclusa senza mezzi termini perfino dai dibattiti sulla difesa dei docenti precari é quella dei docenti di religione, per i quali, i più ignoranti chiedono che vengano addirittura assunti dal Vaticano, ignorando completamente cosa dice la legge italiana in merito.

Vengono poi esclusi dal concorso straordinario, i docenti che compiono 3 di servizio quest’anno.

Quest’ultimo caso può definirsi un vero e proprio caso di miopia legislativa in cui non si é tenuto conto delle migliaia di docenti iscritti nelle graduatorie di terza fascia dal 2017. Docenti che hanno sostenuto come e più degli altri le sorti della scuola in questi anni!

Essendo cristiani, siamo rimasti gli unici a difendere TUTTE queste categorie,proprio perché Cristo ci ha insegnato a stare dalla parte degli esclusi e degli emarginati.

Lo stiamo facendo attraverso la seguente petizione, che in parte é stata già ascoltata, ottenendo l’ammissione dei precari delle paritarie al concorso straordinario ai fini abilitativi.

http://chng.it/HR8RWZV2

Tutto ciò non basta bisogna continuare a firmare e a far firmare la petizione affinché nessun precario venga escluso dal concorso straordinario!

Per questo abbiamo costituito con Italia Cristiana il gruppo degli Insegnanti cattolici per italia cristiana, per dare più voce agli esclusi!